Vai a sottomenu e altri contenuti

Il nostro Patrimonio

Delle opere e dei ''reperti'' è stato redatto il registro e l'inventario, che raggruppa 104 oggetti, di cui 89 sono stati donati, mentre i restanti 15 sono stati ceduti in comodato d'uso per 5 anni.

La tipologia dei beni catalogati rientra in contesti che vanno dal lavoro nei campi ai lavori legati alla lavorazione del latte, fino alle attività artigianali di falegnameria, della manutenzione del ferro e a quelle domestiche. La maggior parte degli oggetti sono da riferirsi alla realtà contadina, ma non solo: gli strumenti che si adoperano grazie alla forza motrice degli animali che ad essi vengono uniti, gli attrezzi di lavorazione con cui si agisce sulla terra per smuoverla e manipolarla in superficie, gli attrezzi da taglio, da imballaggio o da presa, gli strumenti di misurazione dei liquidi e delle granaglie.

Nel mondo contadino aidomaggiorese erano importanti anche i lavori domestici connessi all'attività agricola o al processo di lavoro della cerealicoltura.

Alcuni lavori sono strettamente legati alla produzione di cultura contadina come la lavorazione del lino o della canapa, dalla quale scaturisce il paziente lavoro artigianale della tessitura che si tramandava di generazione in generazione.

Dall'analisi dei beni emerge una realtà legata al mondo contadino, a quella del fabbro, dello scalpellino, del falegname, dell'arrotino, delle tessitrici, fino a quello demologico, rurale, agro-pastorale e delle tradizioni popolari in genere.

Il pezzo più imponente, bello e valoroso della collezione, sia per tecnica costruttiva che per antichità, è il telaio orizzontale di fine 800, interamente in legno, comprensivo ancora delle calcole per azionarlo.

Riscoprire grazie alle persone del luogo, che hanno fornito la loro testimonianza sull' utilizzo di alcuni oggetti conservati, antiche arti e mestieri in uso in Aidomaggiore tra il 1800 e 1900 ha significato garantire uno straordinario supporto di memoria e di attualizzazione dell'uso degli oggetti presi in esame, beni materiali oggi ormai desueti e di difficile comprensione d' uso.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto